logo
Server e Storage sul cloud con Seeweb Stampa E-mail
Scritto da Gaetano Di Blasio   
Lunedì 04 Aprile 2011 00:00

Memorizzare, archiviare e distribuire dati è un processo essenziale attraverso cui passano inevitabilmente la maggior parte dei dati e dei documenti prodotti dalle attività aziendali. Per facilitare queste procedure è disponibile la soluzione Cloud Object Storage di Seeweb, con la quale è possibile memorizzare grandi quantità di dati, rendendoli accessibili tramite una semplice interfaccia Web. Si tratta di un approccio innovativo che non è più legato ai vecchi concetti di file system e caratterizzato da capacità di performance e flessibilità all’insegna dell’economia: «L’IT on premise costa circa 10 volte in più rispetto all’equivalente nel cloud», afferma Antonio Baldassarra, amministratore delegato di Seeweb, che spiega: «Massimizzando lo sfruttamento delle infrastrutture si ottimizzano i costi. Un risparmio che si ritrova l’utente finale».

 

Cloud Object Storage è uno degli ultimi servizi erogati dal cloud provider italiano, che già da tempo mette a disposizione soluzioni per l'elaborazione e l'hosting di macchine fisiche e (sempre più) virtuali. La parabola del cloud è in piena fase crescente, secondo Baldassarra, che evidenzia come la nuova visione architetturale dell'IT rappresenti un punto di rottura con il passato e una rivoluzione inarrestabile per gli equilibri del mercato informatico: «Le logiche "captive" del passato sono superate dall'ingresso di operatori che arrivano da tutt'altro mondo. Amazon o la stessa Google hanno messo a frutto tecnologia che avevano "semplicemente" implementato per il loro business, creandone di nuovo. Il fenomeno è sempre più lanciato perché i vantaggi portati dal cloud, come l'eliminazione dei costi capitale, il "pay per use" e l'accelerazione del time to market, sono troppo importanti».

Presentandolo come il primo servizio di cloud storage italiano, Baldassarra sottolinea come Cloud Object Storage si distingua per la semplicità d’utilizzo. Il sistema è inoltre accessibile mediante software compatibili con Amazon S3 (Simple Storage Service). Tutti i plugin esistenti per i Content Management System potranno essere utilizzati con Cloud Oject Storage senza particolari difficoltà.

È un servizio utilizzabile sia con Cloud Storage Server di Seeweb sia come servizio singolo utilizzato come strumento di storage autonomo. Questo può anche essere “montato” come file system sotto Linux o Windows. Un aspetto fondamentale per la compliance è la locazione dei dati, come sottolinea il manager italiano: «Il servizio è erogato dai nostri due data center di Milano e Frosinone, dei quali garantiamo la massima affidabilità».

Anche in caso di guasto di un intero data center, la disponiblità dei dati è assicurata. I contenuti all’interno del Cloud Object Storage possono essere pubblici, accessibili da ovunque attraverso un browser Web, oppure privati e quindi inaccessibili se non tramite dati di accesso. In particolare Seewb elenca tra i punti di forza della soluzione:

• Ridondanza completa a ogni livello, fino a 5 copie per file, con possibilità di mettere dei vincoli per far sì che esistano copie su data center diversi.

• Spazio storage a piacere incrementabile senza necessità di fermo del servizio dai 100 Gbyte di base a centinaia di Terabyte.

• Compatibilità completa dei client sviluppati, secondo l’API S3.

• Diverse tipologie di accesso al sistema di storage: attraverso client specifici; integrandolo in un server; direttamente da un’applicazione API specifica usabile oppure da internet, utilizzando Cloud Storage come un servizio di content delivery a cui si acceder tramite una URL.

• Monitoraggio proattivo dei principali parametri operativi e di funzionamento con adeguamento automatico.

• SLA garantito da penale con impegno di disponibilità al 99,9%

• Tariffazione a consumo. Mentre nessuna tariffazione è prevista per il traffico all’interno della rete Seeweb.

 
JoomlaWatch Stats 1.2.7 by Matej Koval