logo
Office 365 per il cloud di Microsoft Stampa E-mail
Scritto da Gaetano Di Blasio   
Giovedì 30 Giugno 2011 00:00

Pietro Scott JovaneLe applicazioni base per l'automazione dell'ufficio in un'ottica innovativa sono disponibili sul cloud. Da fine giugno sul mercato si può scegliere la piattaforma professionale di Microsoft. «Il cloud è il mezzo migliore per portare il più rapidamente possibile l'innovazione in azienda, in particolare per le Pmi», afferma Pietro Scott Jovane, amministratore delegato di Microsoft Italia, che aggiunge: «Auspico che, come noi, tutto il mercato adotti la massima trasparenza per quanto riguarda la sicurezza dei dati e la compliance alle normative, a partire dal dichiarare dove risiedono fisicamente i dati».

 

Proprio sulle garanzie per le aziende punta la multinazionale, che fornisce una soluzione di classe enterprise «non "ridotta" per le Pmi, ma scalata automaticamente dal pay per use», come evidenzia Fabrizio Albergati, responsabile Information Worker di Microsoft Italia, sottolineando: «Non si tratta di soluzioni nate per il consumer, ma di piattaforme che nascono dall'esperienza di Microsoft e che sfruttano il nostro cloud per garantire una disponibilità del 99,9%».

I riferimenti a Google o Amazon non sono del tutto casuali, evidentemente, ma, del resto diversi sono i mercati storici di riferimento. Due le fasce d'offerta, per la Pmi e per le grandi organizzazioni, di Office 365, che ha già diversi clienti, perché prende il posto di BPOS, già da tempo in uso, per esempio, presso Artsana, il cui direttore IT, Paolo Sassi, afferma: «Siamo partiti con un pilota su BPOS per la posta elettronica con Exchange e oggi contiamo circa 1000 utenze online su 2500 totali. La ragione fondamentale era abbattere i costi e la logica pay per use è risultata vincente, non solo in questo, ma anche per la semplificazione: non c'è stato bisogno d'altro che della rete».

Un'esperienza di successo che sta spingendo Sassi a valutare altre iniziative sul cloud, a partire da Microsoft Link (la piattaforma per la Unified Communication di Microsoft), per ottenere efficienza a livello mondiale.

Anche per Fabio Salviotti di Leroy Merlin, la posta elettronica (500 utenze in partenza) è stata l'ambito ideale per provare il cloud e trovarlo una soluzione efficace ed efficiente: «Contrariamente alle scettiche aspettative, abbiamo trovato eccellente la soluzione e, sull'onda dell'entusiasmo, migreremo le 12mila utenze su Office 365 e passeremo anche a Lync Online».

 
JoomlaWatch Stats 1.2.7 by Matej Koval